6214218377186418
Il Parma allenato da Nevio Scala si apprestava a vivere la serie B della stagione 1989-90 da protagonista. La società del presidente Ceresini era riuscita a formare una squadra con tanti giovani di grande prospettiva come Pizzi, Minotti, Apolloni , Susic, Osio, Melli, Ganz, Gambaro ecc. coadiuvati da alcuni veterani della serie cadetta come Zunico, Zoratto, che diedero maggior esperienza e personalità alla squadra.

L’avvio del campionato per gli emiliani fu discreto e gli schemi di Scala pian piano iniziarono ad essere assimilati dai gialloblu. Il cambio di marcia avvenne nel periodo invernale, quando il Parma riuscì ad ottenere una serie di risultati utili consecutivi con i quali raggiunsero la zona promozione. I ducali iniziarono anche a contraddistinguersi per il bel gioco del tecnico Nevio Scala, che era riuscito a dare un’identità ben precisa ad una compagine giovane ma con ottime individualità.

Nel girone di ritorno vi fu un leggero calo di rendimento, ma ormai gli emiliani avevano accumulato un notevole bottino di punti, con i quali riuscirono ad ottenere la storica promozione in Serie A . La squadra chiuse al quarto posto dietro a Torino, Pisa e Cagliari. Il capocannoniere dei gialloblu fu il centrocampista Fausto Pizzi con 12 reti, che nella stagione successiva passò all’Inter.

Posted in Calcio


Rispondi