6214218377186418

Oggi prendiamo in esame la classifica marcatori della Serie A 1996/97, dove spiccavano quasi esclusivamente nomi italiani. Infatti tra i primi dieci bomber del campionato erano presenti soltanto due stranieri (Balbo e Djorkaeff).

Il capocannoniere di quella stagione fu un giovane Filippo Inzaghi, che all’epoca aveva 23 anni. Inzaghi giocava nell’Atalanta e per la prima volta ebbe l’opportunità di giocare come titolare in massima serie. Il bomber piacentino non si fece sfuggire l’occasione siglando 24 reti e grazie ai suoi gol la squadra orobica ottenne una salvezza tranquilla. Dietro la punta atalantina troviamo il sampdoriano Vincenzo Montella con 22 gol. L’attaccante napoletano dopo il grande campionato di B con la maglia del Genoa, dimostrò di fare la differenza anche in serie A.

Il podio era chiuso dall’argentino Abel Balbo (17 reti), calciatore che in quegli anni riusciva sempre a raggiungere la doppia cifra. A quota 16 ritroviamo il “cobra” Sandro Tovalieri, che visse una stagione particolare. Il bomber romano giocò la prima parte della stagione nella Reggiana dove siglò 4 reti e la seconda parte del campionato nel Cagliari con cui realizzò 12 gol. Purtroppo le sue prestazioni non servirono alla compagine sarda a salvarsi dalla B.

A 15 gol c’erano appaiati Giuseppe Signori, Marco Negri e Roberto Mancini. Signori negli anni novanta segnò caterve di gol dimostrando di essere uno dei migliori attaccanti italiani di quel decennio. Negri era alla sua prima stagione in Serie A, e dopo aver realizzato 37 gol in due stagioni con Cosenza e Perugia fece la differenza anche ad alti livelli. Dopo quel grande campionato per l’attaccante ex Udinese arrivò l’offerta dei Glasgow Rangers dove si consacrò a livello internazionale. Mancini, alla sua ultima stagione con la Sampdoria, risultò essere ancora una volta determinante per la squadra allenata da Eriksson e con Montella formò una grande coppia d’attacco.

A quota 14 reti menzioniamo i nomi di altri due grandi attaccanti italiani come Enrico Chiesa e Pasquale Luiso.

Posted in Senza categoria


Rispondi