Bari-Juventus 2-0 (1990/91), quando Maiellaro stravinse il confronto con Roberto Baggio

6214218377186418

Era il 25 novembre della Stagione 1990/91 quando Bari e Juventus si affrontarono per la decima giornata di serie A.

L’inizio del campionato dalla nuova Juve di Maifredi fu molto positivo; infatti i bianconeri arrivarono a Bari imbattuti e reduci da tre vittorie consecutive in cui rifilarono quattro gol all’Inter e cinque alla Roma.

Il risultato finale di Bari-Juventus appariva quasi scontato, anche perchè i pugliesi avevano diverse assenze importanti come ad esempio quelle di Loseto, Joao Paulo e Răducioiu, tre titolari della compagine allenata da Salvemini.

Le squadre si schierarono in campo con le seguenti formazioni:

Bari: Biato, Brambati, Carrera, Maccoppi, Terracenere, Gérson, Laureri, Lupo, Di Gennaro, Maiellaro, Soda. All. Salvemini

Juventus: Tacconi, Luppi, Bonetti, De Marchi, De Agostini, Corini, Hässler, Marocchi, Fortunato, Baggio, Schillaci. All. Maifredi

Allo stadio San Nicola c’era il pubblico delle grandi occasioni, oltre 58.000 spettatori.

2_MAIELLARO_E_SALVEMINI_gramho

Il Bari, trascinato dai suoi tifosi, iniziò il match a ritmi elevatissimi e con marcature a uomo asfissianti, con Maccoppi e Brambati che francobollarono Schillaci e Baggio. I pugliesi passarono subito in vantaggio: un grande assist di Maiellaro, protagonista di una partita sontuosa, innescò Soda che con un’azione personale riuscì a trafiggere Tacconi. Il San Nicola a quel punto diventò una bolgia.

Il Bari era scatenato: ancora una volta fu Maiellaro ad inventarsi un bellissimo assist per la corrente Soda anticipato da un goffo intervento di De Marchi, che realizzò il più classico degli autogol. Dopo mezz’ora di gioco il Bari era già in vantaggio per 2-0. Una vera doccia fredda per i ragazzi allenati da Maifredi.

I biancorossi andarono vicini anche alla terza rete, ma un bel tiro di Terracenere si stampò sul palo.

Nel secondo tempo la Juventus si svegliò e iniziò ad aumentare il ritmo: prima Hassler ci provò con un gran tiro dalla distanza, poi Baggio colpì il palo su punizione. Il Bari respinse colpo sul colpo grazie ad una difesa granitica e alla grande prestazione di Biato, protagonista di due interventi determinanti.

Negli ultimi minuti uno scatenato Pietro Maiellaro sfiorò il gol con un gran tiro dal limite deviato da Tacconi.

bari 22

Il numero dieci del Bari fu indiscutibilmente il migliore in campo vincendo nettamente la sfida con Roberto Baggio. Sulla Gazzetta dello Sport Maiellaro fu valutato con 8, voto forse anche stretto per la partita incredibile disputata del calciatore pugliese.

Il match si concluse con la meritatissima vittoria dei galletti. Prima sconfitta in campionato per la Juventus e primo campanello d’allarme per Maifredi.

Rispondi